Oggi vi propongo una bella conversazione con Cristina Donadio, sul tema delle Visioni magnetiche condivise nelle organizzazioni e di come queste possano “scuotere” le stesse per produrre cambiamento.

Il video intervista nasce per inserirsi nell’ambito di un progetto che poi non è andato avanti, ma abbiamo pensato che sarebbe stato un peccato disperdere questa occasione di scambio su un tema come questo.

Discutiamo quindi, nella forma di intervista sui sistemi organizzativi, sulle leadership abilitative e facilitative, sulle modalità di gestione di progetto a forte partecipazione.

Mi sta molto a cuore questa conversazione per molti motivi:

  • i contenuti rappresentano davvero il centro del mio personale pensiero sulle nuove organizzazioni
  • l’occasione di conversare stimolato da domande ti mette in gioco e ti impone di capire meglio anche le aporie che si nascondono nei tuoi approcci, e ti fa crescere (ce lo ricordiamo che i consulenti troppo spesso cadono prede della propria “accademia” e difendono in modo acritico i propri approcci rinunciando a crescere?)
  • la modalità con quale abbiamo preparato questa conversazione. Ho conosciuto Cristina attraverso quel meraviglioso ecosistema fondato sulla serendipity che è il web. Abbiamo twittato, scambiato, e poi skypato tante volte. Poi ci siamo visti e piano piano appassionati alle nostre reciproche complementarietà. Un percorso di conoscenza che ha arricchito tanto tutti e due. Di Cristina poi ho apprezzato la capacità maieutica di mettere in crisi i tuoi fondamenti senza toglierti il pavimento sotto i piedi, e per questo la ringrazio e la endorso pubblicamente senza ritegno.

Insomma contenuto, processo, ricerca di senso. Questo è un po il magma sottostante la conversazione che vedrete.

Cristina la trovate qui

Per chi se lo stesse domandando…no, io e Cristina non siamo parenti!