Il cognitive computing apre a nuove frontiere e ci permette di comprendere, ragionare e imparare dalle nostre esperienze, affiancandoci e potenziando le nostre capacità decisionali.

Quale lo stato dell’arte della ricerca sulla capacità delle macchine di comprendere, formulare, interagire in modo specifico?

IBM ce lo racconta in un evento interessantissimo in cui vedremo anche in azione NAO, il robot che incorpora le capacità cognitive e che vedremo in azione interagendo in linguaggio naturale con Michelle Unger, General Manager Cognitive Solutions IBM Europa

Tra gli speaker ci saranno anche:

  • Luciano Floridi Professore di Filosofia ed Etica dell’Informazione alla Oxford University

  • Alessandro Curioni Vice President IBM e Direttore del Laboratorio di Ricerca di Zurigo

  • Andrea Fontana AD Storyfactory e Docente di Storytelling e Narrazione d’impresa – Università di Pavia

Ci saranno anche delle sessioni parallele che affrontano i temi della digital transformation da divere angolature e prospettive.

Io ci sarò come inviato di Digitalic per comprendere meglio come questa frontiera possa diventare una ulteriore innovazione per le nuove organizzazioni ed il management.

State connessi #IBMBCIT